This page needs JavaScript! Please enable it to continue.

This website uses JavaScripts. If you use an adblocker, content may not be displayed or may not be displayed correctly.

L’ordine dei costituenti in italiano e in prospettiva contrastiva

DateThursday, 26th June 2014, 00:00 - 01:00
LocationMaiengasse 51, 4056 Basel, Raum O 105
Save this event iCal

veranstalter: Anna-Maria De Cesare u.a.
ansprechpartner: Anna-Maria De Cesare
email: anna-maria.decesare@unibas.ch
web:
institution: HPSL
language: Englisch
location institution: Basel
date_raw: 26./27. Juni 2014
date_sort: 26.06.2014, 00:00:00

L’ordine dei costituenti in italiano e in prospettiva contrastiva

Organizzazione: Ass. Prof. Dr. Anna-Maria De Cesare & Dr. Davide Garassino, M.A. Rocío Agar
Marco, M.A. Ana Albom, M.A. Doriana Cimmino (Fondo Nazionale Svizzero per la Ricerca Scientifica)

Descrizione generale dell’incontro

Dal punto di vista tipologico l’italiano è una lingua (S)VO, con ordine dei costituenti libero o
semilibero. In italiano è infatti possibile “muovere” i costituenti principali di frase (soggetto e/o
oggetto, di tipo diretto, indiretto, preposizionale ecc.) a destra e/o a sinistra del verbo, dando esito
per esempio agli ordini OV, VS, OSV, SOV, OVS, VSO, VOS. Allo stesso tempo, tra i costrutti
sintattici tipici dell’italiano contemporaneo (in particolare della varietà cosiddetta neostandard o
dell’uso medio) si annoverano le dislocazioni (a sinistra:
la Traviata, la canta Stella; e a destra:
la canta Stella, la Traviata) e le costruzioni scisse (la frase scissa in senso stretto, come per es.
Stella che canta la Traviata
; la frase scisse detta ‘inversa’, come a cantare la Traviata è Stella e
la frase pseudoscissa:
chi/quella che canta la Traviata è Stella). Di conseguenza, a livello
strutturale, l’italiano si caratterizza come una lingua particolarmente ricca e complessa, che
assomiglia da un lato alle lingue con ordine (semi)libero dei costituenti, come lo spagnolo e il
tedesco, dall’altro alle lingue con ordine dei costituenti relativamente rigido, come il francese e
l’inglese, che compensano la collocazione fissa del soggetto e dell’oggetto (diretto, ma non solo)
con l’impiego di costruzioni sintattiche dedicate (generalmente identificate nelle frasi scisse).

L’obiettivo dell’incontro L’ordine dei costituenti in italiano e in prospettiva contrastiva
duplice: ci si propone da un lato di capire meglio la ricchezza e la complessità che caratterizza
l’ordine dei costituenti dell’italiano contemporaneo, dall’altro di evidenziare le proprietà
distintive dell’italiano attraverso un confronto sistematico con una o più altre lingue. Nell’ambito
di questa conferenza l’italiano sarà discusso contrastivamente con quattro altre grandi lingue
europee: due altre lingue romanze, il francese e lo spagnolo, e due lingue germaniche, l’inglese e
il tedesco.

I contributi proporranno una descrizione, e spiegazione, di aspetti legati a una costruzione
“marcata” del solo italiano o dell’italiano a confronto con una delle altre lingue menzionate. Di
ogni costruzione scelta, gli aspetti approfonditi sono principalmente i seguenti: (i) frequenza
d’impiego e distribuzione testuale; (ii) proprietà strutturali; (iii) aspetti semantici; (iv) proprietà
pragmatiche (articolazione informativa e funzioni discorsive).

 

Programm:

26. Juni:

Apertura dei lavori
8.30-9.00

Sessione 1. Frasi pseudoscisse (Presiede: Anna-Maria De Cesare)

9.00-9.45

Alessandro Panunzi (Firenze)

Frasi pseudoscisse e strutture copulative: questioni semantiche e sintattiche

9.45-10.30

Rocío Agar Marco (Basel)

Il principio di compensazione in italiano e in tedesco. Riflessioni a partire dalla frase
pseudoscissa

10.30-11.00 Pausa caffè

Sessione 2. Costruzioni con soggetto postverbale (Presiede: Davide Garassino)

11.00-11.45

Karen Lahousse (Leuven)

A typology of inversion constructions in French and Italian

11.45-12.30

Anna-Maria De Cesare (Basel)

Le costruzioni VS in italiano e in francese come banco di prova del principio di compensazione

12.30-14.30 Pausa pranzo

Sessione 3. Costruzioni con anteposizioni (Presiede: Angela Ferrari)

14.30-15.15

Manuel Leonetti (Alcalà)

Sulle anteposizioni non focali in italiano e spagnolo

15.15-16.00

Lunella Mereu (Roma Tre)

Obliqui tra anteposizione e dislocazione

16.00-16.30 Pausa caffè

16.30-17.15

Doriana Cimmino (Basel)

Il principio di compensazione in italiano e in inglese. Riflessioni a partire dai costrutti con
anteposizione


27. Juni:

Sessione 4. Dislocazioni sintattiche (Presiede: Laura Baranzini)

9.00-9.45

Fabio Rossi (Messina)

La dislocazione a destra nell’italiano scritto: rilievi statistici, pragmatici e sintattici

9.45-10.30

Valeria Buttini (Basel)

“Io (non) ho paura delle dislocazioni”: la traduzione del costrutto nella versione inglese e
francese del romanzo di N. Ammaniti

10.30-11.00 Pausa caffè

11.00-11.45

Ana Albom (Basel)

Il principio di compensazione in italiano e in inglese. La dislocazione a sinistra e a destra

11.45-14.00 Pausa pranzo

Sessione 5. Frasi scisse (Presiede: Carlo Enrico Roggia)

14.00-14.45

Barbara Wehr (Mainz)

Tipologia della frase scissa: l’italiano a confronto con altre lingue europee

14.45-15.30

Ada Valentini (Bergamo)

“Signor presidente, sono due anni che aspettiamo”: la scissa durativa italiana in un confronto
interlinguistico sul corpus parallelo EUROPARL

15.30-16.15

Davide Garassino (Basel)

L’uso delle frasi scisse in italiano e inglese: un solo “principio di compensazione” o più fattori
in interazione?

Chiusura dei lavori

16.15-16.45

Programm als PDF